Vita Gazette

Le notizie dall’Italia.

La Corte Suprema russa mette al bando il movimento Lgbt

Vita gazette – La Corte Suprema russa ha dichiarato un’organizzazione estremista quello che ha definito il “movimento internazionale delle persone LGBT” e ne ha vietato le attività in tutto il Paese.La decisione, sollecitata dal ministero della Giustizia, avrà effetto immediato.

La Corte Suprema russa ha accolto la richiesta del ministero della Giustizia di mettere fuori legge nel Paese il movimento internazionale Lgbt, definito “estremista”.

Il giudice ha stabilito che “il movimento internazionale LGBT pubblico e le sue suddivisioni” sono estremisti, e ha emesso un “divieto sulle sue attività sul territorio della Russia”. Se venisse applicata agli individui, l’etichetta “estremista” significherebbe che le persone gay, lesbiche, transgender o queer che vivono in Russia potrebbero rischiare il carcere.

La Russia ha già vietato nell’ultimo anno la “propaganda gay” e la transizione di genere. Il bando di oggi comporta che chiunque affermi o promuova la parità di diritti per le persone Lgbt affronterà conseguenze legali.

Con il decreto firmato lo scorso anno dal presidente russo Vladimir Putin, le relazioni omosessuali nel Paese sono state incluse nell’ambito delle “idee e valori distruttivi per la società russa”.

Il Patriarcato di Mosca ha difeso il bando del “movimento internazionale Lgbt” in Russia, deciso dalla Corte Suprema, definendolo “autodifesa morale della società”. Il movimento “ha segni di estremismo perchè il risultato delle sue attività, nella loro logica conclusione, è la distruzione dell’idea tradizionale di matrimonio e famiglia”, ha spiegato un portavoce della Chiesa ortodossa russa, Vakhtang Kipishidze, come riporta Ria Novosti.

La sentenza della Corte suprema russa è stata criticata dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Turk: “Nessuno dovrebbe essere incarcerato per aver svolto attività a favore dei diritti umani o per aver negato i propri diritti umani in base al proprio orientamento sessuale o alla propria identità di genere”.

error: Content is protected !!