Vita Gazette

Le notizie dall’Italia.

Il Padrino ha 50 anni: Il film che ha segnato la storia del cinema

Il 15 marzo 1972 debuttava Il padrino. Il nostro omaggio al capolavoro di Francis Ford Coppola.

Critica cinematografico : Il Padrino

di Alessandro Romano

Il mito, la storia e una guerra: analisi di un capolavoro senza tempo, dai fili del burattinaio nel logo, al garofano rosso sull’abito di Don Vito Corleone, alle sinistre arance e l’impeccabile colonna sonora…

Il Padrino è un capolavoro di “eterna bellezza” che si inserisce con grazia nella storia del cinema lasciando sequenze iconiche sull’olimpo del grande schermo. Sono trascorsi cinquant’anni dall’uscita dell’indimenticabile film di Francis Ford Coppola, ma continua ad affascinare il pubblico per generazioni con la sua grazia e immortalità.

Poteri e burattinai

Anche 50 anni dopo, “Il Padrino” di Francis Ford Coppola è senza dubbio la settima pietra miliare dell’arte che meglio descrive la mafia italo-americana, la politica, le relazioni tra mafia e polizia, l’amore, il folklore italiano, la desolante tragedia e brutalità shakespeariane.Il simbolo dell’era in via di sviluppo di New Hollywood.. Una leggenda della regia… Una delle più grandi manifestazioni della settima arte… Adesso siedivi, andiamo in America e in Sicilia negli anni  ’40 e ’50…

C’erano cinque famiglie di gangster a New York negli anni ’40 e ’50, quando la mafia stava guadagnando forza negli Stati Uniti. Questi erano burattinai che muovevano i fili del potere. Tutto, dalle istituzioni all’enorme capitale, era nelle mani di leader muti con un’egemonia ambigua. La nostra storia inizia con il periodo al potere di Vito Corleone, una di queste famiglie. Le cose si complicano quando i Corleone, una delle famiglie di spicco del mondo criminale di New York, non vogliono entrare nel mercato della droga appena fiorente. E poi arriva il periodo della lotta contro l’alleanza Sollozzo-Tattaglia-Barzini, che vuole attirare la famiglia Corleone nel narcotraffico. Il sequel si concentra sul regno del figlio più giovane di Vito, Michael, che è stato lasciato in disparte ma si è ritrovato a capo dell’azienda di famiglia quando suo padre è stato colpito da una fucilata. Tuttavia, Michael non è mai stato coinvolto negli affari di famiglia. Era tornato dalla seconda guerra mondiale come un eroe. Vito Coleone sognava che suo figlio più giovane diventasse senatore o presidente, non burattinaio. Ma la trilogia “Il Padrino”; È stato costruito sul cambiamento di Michael e l’idealista patriottico Michael ha dovuto trasformarsi in uno spietato e solitario boss della mafia…

Lo sforzo di fondare le sue radici nel sogno americano

Immigrazione e famiglia sono tra i temi principali del film. Il viaggio di padre Vito Corleone dalla Sicilia agli Stati Uniti nel 1901 raccontò anche la lotta di una famiglia italiana per resistere. Vito, il rappresentante della prima generazione, era anche protettivo nei confronti dei suoi amici italiani, in particolare della sua famiglia e dei membri della mafia con cui lavorava. Suo figlio, Michael, era la seconda generazione che ha lasciato la tradizione alle spalle, non si preoccupava della sua etnia ed era vicino all’America capitalista. Pertanto, avrebbe trovato sempre più difficile proteggere la famiglia a cui stava cercando di fare spazio nel “Sogno americano”.

I valori della famiglia italiana

Quella dei Corleone è una famiglia naturalizzata americana che custodisce preziosamente caratteristiche prettamente italiane: l’importanza del concetto di famiglia e la sua compattezza, discorsi interamente in dialetto siciliano e pasti ricchi ed abbondanti preparati secondo ricette di antica tradizione. Quello di Famiglia, secondo i Corleone, è un concetto che va ben oltre i legami di sangue: agli amatissimi figli Michael che sogna di diventare una forza trainante, Fredo, debole e insicuro, Sonny, impulsivo e testa calda, Connie, emotiva ma determinata, si aggiunge la figura di Tom Hagen. Figlio adottivo di Don Vito Corleone e Consigliere di quest’ultimo, Tom è professionale, affezionatissimo alla famiglia Corleone e in grado di mantenere lucidità e professionalità anche in situazioni che lo mettono sotto pressione.

“Credo in America, ma voglio giustizia da te”

 “Io credo nell’America. L’America fece la mia fortuna”. Film, si apre con queste parole, pronunciate da un immigrato italiano che emerge dall’ombra, in cerca della giustizia che la legge statunitense non può dargli. E subito dopo, mostra come la fede nell’America possa essere insufficiente. Amerigo Bonasera che nel giorno del matrimonio di Connie Corleone si rivolge a suo padre don Vito, reclamando una ritorsione contro coloro che hanno violentato e sfigurato sua figlia. Nel frattempo, la violenza viene applicata ai giornalisti che fotografano i politici che vengono al matrimonio. Una scena iniziale che, come spesso accade per i capolavori, è una vera e propria dichiarazione d’intenti, capace di fornire allo spettatore le coordinate di tutto ciò che vedrà successivamente.

Combinazione di buono e cattivo

La storia di Bonasera è la stessa della famiglia Corleone, e più in generale di tutta la criminalità organizzata italo-americana: Il Padrino è un vero studio del male. Durante la cerimonia del matrimonio, che si svolge allegramente ai grandi tavoli con l’accompagnamento della musica italiana, molte persone coinvolte nell’organizzazione sono pronte a fare offerte inconfutabili oa giustiziare a sangue freddo chiunque violi le rigide regole. Un mondo che Coppola rappresenta con un’umanità che ci stordisce letteralmente: così ci troviamo a schierarci per un criminale che è immerso in giochi accattivanti con suo nipote o coloro di cui si fida. Ci sentiamo vicini a Clemenza, che a un pacco di Cannoli riserva le stesse cure che riserva ad un omicidio.

Infatti, a partire dall’inizio della storia ne Il Padrino, assistiamo a un’umanità interiore. Si comincia con il ritrovare Don Vito Corleone in un pacifico silenzio, avvolto da un magico velo di luce. Viene mostrato un contrasto naturale, quasi a costruire una leggenda senza miti che vive di etica mafiosa, vera amicizia, vendetta cieca e carezze di gatti. Così, la narrazione del Padrino si sviluppa nel suo ritmo misurato e gentile, cucendovi immagini iconiche e indimenticabili.

“Chi è Kay più puro?”

E poi c’è un dialogo tra Michael e Kay. In Sicilia viene bombardata la moglie di Michele, Apollone, con cui ha trovato l’amore. E dopo questo incidente, Michael, che ha perso la sua sensibilità, ha ritrovato il suo vecchio amore Kay. Seguiamo il seguente dialogo tra i due: Kay: “Pensavo non saresti come tuo padre.”  Michael risponde: “Mio padre non è diverso dalle altre persone potenti. Qualcuno che ha responsabilità verso gli altri. Come un senatore o  un presidente”. Kay disse: “Non vedi quanto sei ingenuo con quello che stai dicendo?” “Perché?” lui chiede. “I senatori ei presidenti non vengono assassinati”, risponde Kay. Michael guarda in faccia Kay: “Chi di noi è ingenuo, Kay?” Un dialogo che riassume la visione di Coppola di una società al capolinea, in cui l’unica possibilità di giustizia per gli oppressi risiede paradossalmente proprio in quella criminalità organizzata che la giustizia dovrebbe contrastare con tutte le sue forze. L’ennesimo dilemma morale che ci pone questo capolavoro più attuale che mai, che dopo 50 anni continua a essere un monito molto più realistico di quanto siamo disposti ad ammettere.

L’organizzazione politica corrotta, l’establishment di Las Vegas, la diffusione del narcotraffico, ma anche l’economia in ascesa, l’ascesa del welfare state sono gli sviluppi che descrivono questo periodo. Michael Corleone è un idealista che ha lasciato gli studi in legge per unirsi alla seconda guerra mondiale e suo padre sogna di diventare nel futuro un senatore o un presidente. È la pupilla degli occhi della famiglia e di suo figlio, che viene tenuto lontano dal “lavoro sporco”. Ma le circostanze lo scoraggiano dal “credere in America”. Creerà l’America in cui crederà, con i metodi che conosce. Questi anni sono anche un periodo in cui la generazione 68, i cui ideali erano estinti, non ha potuto liberarsi degli effetti della guerra del Vietnam. Fu in un tale ambiente che nacquero il baby boom e poi le relazioni cooperative americane…

Magnifico coro

Uno dei maggiori successi critici e commerciali di tutti i tempi del cinema, il padrino mette in mostra il talento di attori come Marlon Brando, Al Pacino, James Caan, Robert Duvall e Diane Keaton. Le ragioni del successo di questo film sono molte: l’eccezionale qualità del cast, le fotografie di Gordon Willis, le musiche di Nino Rota, il talento registico e la determinazione di Coppola.   E miscela una varietà di generi diversi:  genres: gangster story, drammatico, family epic, tragedia, con Elementi di dramma storico, film d’azione e romantico.

Avvolta in una cupa foto di Gordon Willis, la performance di Marlon Brando è abbagliante. Le guance piene di cotone per dare a Vito Corleone il suo caratteristico aspetto da bulldog e allo stesso tempo invecchiano, olio sulla testa per invecchiare i capelli e una voce bassa e ovattata usata per caratterizzare il personaggio… tutto contribuisce all’iconicità di Brando.

Michael Corleone rivela essere il personaggio cinetico per eccellenza all’interno dell’universo del Padrino. Astuto, intelligente, concreto; una continua ed incessante evoluzione travolge la sua vita e quella di chi lo circonda. Michael è protagonista di una delle sequenze più celebri del film, fortemente esplicativa del carattere dicotomico e duale che è alla base della pellicola: la scena del battesimo del nipote a cui Michael partecipa in veste, appunto, di Padrino, è ricolma di ossimori visivi e concettuali, evidenti tramite l’utilizzo di montaggio alternato. Uno spargimento di sangue viene compiuto mentre l’officiante recita la preghiera. Il suono di un organo accompagna la sacralità della cerimonia e la concitata e cruenta operazione per mano della famiglia Corleone. Il Padrino è un lungometraggio che si serve spesso di allegorie: le arance, tipico frutto siciliano dal succo rosso sangue, compaiono spesso presagendo un evento doloroso o un omicidio. 

Fondamentale poi l’apporto del nutrito gruppo di personaggi secondari all’interno di un magnifico cast corale. Ancora una volta, Coppola dimostra tutta la sua maestria e il suo fiuto cinematografico scegliendo i volti perfetti per personaggi costantemente in bilico fra scontri a fuoco e la più disarmante banalità. In mezzo a un’impressionante moltitudine di straordinari caratteristi, che sprizzano letteralmente malavita da tutti i pori, spiccano le interpretazioni di due attori eternamente sottovalutati come John Cazale e Robert Duvall, rispettivamente nei ruoli del pavido fratello Fredo e del riflessivo e analitico consigliere dei Corleone, Tom Hagen. Performance che si inseriscono perfettamente nel quadro di variegata e complessa umanità de Il padrino, e che pongono le basi per lo sviluppo dei personaggi nel successivo Il padrino – Parte II, senza ombra di dubbio uno dei migliori sequel dell’intera storia del cinema.

E, soprattutto, il film stava colpendo anche coloro a cui non piaceva la violenza e l’illegalità nelle loro vite. Perché era molto sincero e genuino. Perché stava ancora trasferendo correttamente il sistema attuale. Perché non solo sono esplose le armi, ma anche la trasformazione dell’America e degli immigrati è stata trasferita nel film. Perché per loro non solo il denaro e il potere, ma anche le tradizioni e la famiglia erano importanti e tutte queste emozioni sono state trasmesse con successo al pubblico.

Anche se non può contare sulla fiducia incondizionata della produzione, ne Il padrino Francis Ford Coppola si prende continuamente dei notevoli rischi registici, uscendone sempre vincitore. I tempi dilatati seguiti da improvvise scariche di violenza, le straordinarie musiche imbevute di italianità di Nino Rota, dominate da un tema tanto suggestivo quanto inquietante, la parentesi siciliana e la successiva ellissi temporale, che ci consegnano un Michael già calato nella parte del boss, e il montaggio alternato sul battesimo del nipote del nuovo padrino, durante il quale vengono assassinati tutti i capofamiglia rivali, sono scelte ardite e in controtendenza col cinema dell’epoca, che avrebbero potuto portare a un cocente fallimento e che si rivelano invece preziosi tasselli di un mosaico narrativo pressoché perfetto.

 

Storie scritte con luce, musica e allegorie

In Il Padrino, oltre all’America, anche la Sicilia, dipinta rurale e pittoresca, prende attivamente parte al film, con i suoi paesaggi torridi ed asciutti in un momento di ritorno alle origini. L’inconfondibile e dolceamara colonna sonora firmata Nino Rota scandisce sapientemente i tempi del capolavoro di Coppola. La musica impeccabile e agrodolce di Nino Rota completa magistralmente il capolavoro di Coppola. Nelle colonne sonore firmate da Ray Evans, Johnny Farrow, Jay Livingston, Nino Rota, Marty Symes e Carmine Coppola, la musica introduttiva più famosa appartiene a Rota. Questa memorabile melodia era un arrangiamento di una canzone popolare siciliana.  Il contrasto tra chiaro e scuro rimanda alla dimensione duale del film: un gioco di luci interamente diegetico lavora sui volti dei protagonisti evidenziandone caratteristiche significative.Il padre è un lungometraggio che ricorre spesso alle allegorie: un tipico frutto siciliano con succo d’arancia rosso sangue appare spesso per annunciare un evento doloroso o un omicidio. Il burattinaio nell’articolo Il Padrino sul poster, il gatto che Baba tiene tra le braccia e il garofano rosso sul vestito sono tutti i punti salienti dei messaggi del film.

Girato nel 1974, “Baba II” raccontava due storie in parallelo. Con Michael che è diventato il capo della famiglia, il processo di trasformazione di padre Vito (Marlon Brando) in un boss della mafia era sullo schermo con flashback. Vito, nove anni, rifugiatosi in America dalle pressioni della mafia in Sicilia nel 1901, iniziò la sua vita da zero nel quartiere italiano di New York. Vito, che si è guadagnato il rispetto quando ha ucciso un capo della mafia in gioventù, si è gradualmente trasformato in Don Vito. Suo figlio, Michael (Al Pacino), che ha assunto l’incarico, sarebbe stato ambizioso e spietato, a differenza di suo padre, mentre cercava di proteggere la sua famiglia.

Molti anni dopo, Coppola si sedette a una scrivania con Mario Puzo per formare “Father III”. Mentre i venti liberali di Reagan e Thatcher soffiavano nel mondo nel terzo film, Michael ora cercava collaborazioni con società multinazionali. Questo cancellerebbe il nome di Corleone. Ma aveva più di 60 anni e aveva bisogno di un erede. Quell’erede era suo nipote, Vincenzo “Vincent” Mancini. Ma le cose sarebbero andate diversamente da quanto aveva previsto Michael, e il famoso boss mafioso avrebbe dovuto mettere in discussione il suo passato. Coppola voleva intitolare il terzo film, uscito 16 anni dopo nel 1990, “La morte di Michael Corleone”, ma la Paramount non lo permise.

 Dopo “Father III”, Mario Puzo voleva che il quarto film fosse girato con l’incoraggiamento di Andy Garcia, che ha recitato nell’ultimo film. Ha scritto anche metà della sceneggiatura. In questo episodio verrebbe raccontata l’infanzia dei figli di Vito. Quando la Paramount ha rifiutato l’offerta, il progetto è stato accantonato con la morte di Puzo nel 1999.

Miglior film di tutti i tempi

La serie “Il padre”, che è tra le trilogie più memorabili della storia del cinema, ha ovviamente ricevuto numerosi riconoscimenti. Ha ricevuto decine di premi dal Golden Globe, al David di Donatello dai BAFTA. Ma soprattutto, non ha mai lasciato il suo posto nella classifica dei “100 migliori film di tutti i tempi”.

Dopo 50 anni, sotto la supervisione del regista, il film è tornato nei cinema di tutto il mondo all’inizio di marzo, dopo un restauro e una revisione di ogni fotogramma in laboratorio che è costato quasi 5.000 ore.

Il Padrino è un capolavoro di “eterna bellezza” che si inserisce con grazia nella storia del cinema lasciando sequenze iconiche sull’olimpo del grande schermo. Sono trascorsi cinquant’anni dall’uscita dell’indimenticabile film di Francis Ford Coppola, ma continua ad affascinare il pubblico per generazioni con la sua grazia e immortalità…

error: Content is protected !!